Homepage

Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura in Emilia-Romagna

Pagamenti AGREA da inizio anno (in euro)

2 5 6 . 1 5 8 . 4 4 3
Dati aggiornati al 20/06/2024

Il punto sui pagamenti

montagne.jpg

Nel mese di maggio 2024 AGREA ha erogato aiuti per circa 87 milioni di Euro, così prevalentemente ripartiti:

  • 30 milioni nell’ambito degli interventi settoriali di cui al I° pilastro (Ortofrutta programmi operativi e vitivinicolo);
  • 5 milioni nell’ambito della Domanda Unica, ugualmente riferibile al I° pilastro;
  • 35 milioni nell’ambito dello sviluppo rurale, II° pilastro, in parte riferibili al trascinamento di misure della vecchia programmazione 2014/2022, in parte riferibili alla corrente programmazione 2023/2027.

Con riferimento alla Domanda Unica, 10.3 milioni hanno riguardato il pagamento di base legato ai titoli, che nella nuova programmazione assume la denominazione di Sostegno di base al reddito per la sostenibilità (acronimo BISS) mentre 5.1 milioni sono relativi al Sostegno redistributivo complementare al reddito per la sostenibilità (acronimo CRISS), nuova tipologia premiale introdotta con la PAC 2023/2027; i rimanenti 6 milioni sono ripartiti fra gli Ecoschemi da 2 a 5, 4 milioni, e i premi aggiuntivi legati alle superfici (barbabietola, soia, pomodoro, riso, proteoleaginose, ecc.), per  2 milioni.

Nel mese di giugno, comunque entro la data ultima del 30/6, si provvederà all’erogazione delle quote residue relative al sostegno di base e redistributivo, ai premi aggiuntivi a superficie e soprattutto all’erogazione delle premialità connesse al bestiame ed alle produzioni zootecniche, ovvero Ecoschema 1 Benessere animale e premi aggiuntivi zootecnici e lattiero-caseari, in relazione ai quali l’Organismo nazionale AGEA ha recentemente quantificato e comunicato i plafond nazionali e gli importi unitari per ettaro/capo.

Con riferimento allo Sviluppo rurale, e più in specifico alle misure a superficie, la quota di pagamenti più consistente, 13 milioni, ha riguardato la misura a sostegno dell’agricoltura biologica (misura 011 nella programmazione 2014/2022, intervento SRA29 per la programmazione 2023/2027) cui vanno aggiunti, a valere sulle indennità compensative (ex misura 13 nella precedente programmazione, interventi SRB nella programmazione corrente) ulteriori 7.5 milioni di cui 5.7 in favore delle zone svantaggiate di montagna, mentre relativamente alle misure agromabientali (misura 10 nella vecchia programmazione, interventi SRA nella programmazione corrente) l’importo liquidato ammonta a 6 milioni, fra i quali si segnalano 3.5 milioni riguardanti il ritiro ventennale dalla produzione (misura 10.1.10) e 1.5 milioni riguardanti la produzione integrata (intervento SRA01).

Per quanto riguarda invece le misure ad investimento e quelle relative all’area conoscenza/formazione, la gran parte delle erogazioni ha riguardato misure afferenti alla precedente programmazione 2014/2022: in particolare, 4 milioni di euro sono stati erogati a valere sulla misura 4 (sostegno agli investimenti), cui si aggiungono ulteriori 2 milioni equamente ripartiti fra la misura 5 (sostegno ad azioni di prevenzione anti calamità) e la misura 16 (sostegno alla cooperazione); si segnalano infine i 600mila euro circa erogati a sostegno dell’insediamento dei giovani agricoltori (operazione 6.1.01) ai quali si raccordano, nel contesto del sostegno all’imprenditoria giovanile, i 400mila erogati a titolo di premio giovani nell’ambito della Domanda Unica.

Con riferimento agli aiuti regionali in regime de minimis, è stata completata l’erogazione degli aiuti ai produttori di patate, sia generiche che DOP, mentre agli inizi del mese di giungo si completerà anche il sostegno ai produttori bieticoli, il tutto con riferimento alla campagna 2023.

Infine, per quanto riguarda gli aiuti nazionali/regionali a sostegno dei produttori colpiti da eventi calamitosi (D.Lgs. 102/2004), completata da tempo l’erogazione degli aiuti relativi all’infestazione da cimice asiatica ed alle gelate tardive 2020 e 2021, AGREA ha dato avvio alle prime liquidazioni a ristoro dei danni conseguenti agli eventi alluvionali del maggio 2023 mentre a breve si procederà ad ulteriori liquidazioni relative all’evento siccità dell’estate 2022 (1.5 milioni), terminando questo specifico intervento di sostegno.

Per maggiori informazioni consulta il report riepilogativo dove sono indicati i pagamenti effettuati e i relativi beneficiari, ripartiti per settore.

Per conoscere la situazione delle tue domande accedi al servizio di verifica dello stato della tua pratica.

Non hai trovato quello che cerchi?